Danza Indiana Roma │ Seminario di Danza Gotipua


Abhinna Sundar Gotipua Nrutya Parisad
Associazione Culturale Orchestès
Vidyā Arti e Culture dell'Asia
presentano

Seminario di danza Gotipua con il Maestro Susanta Kumar Moharana

Il seminario
Il seminario, aperto a danzatori e non di qualsiasi età, avrà lo scopo di dare ai partecipanti un'introduzione alla danza Gotipua attraverso lo studio degli esercizi di base e della gestualità delle mani. Verra' inoltre introdotta la prima danza del repertorio, il Guru Vandana, una preghiera dedicata alla madre terra, al Dio Jagannath, al proprio Guru e, poiché viene sempre eseguita all'inizio di ogni spettacolo, al pubblico presente.
La danza
La danza Gotipua, originaria dello stato dell'Odisha, è uno stile folklorico nato nel XVI secolo sul modello della danza delle Mahari, danzatrici consacrate al culto del Dio Jagannath. 
Il nome Gotipua, che nella lingua odiya vuol dire "un solo" (Goti) "ragazzo" (Pua), indica anche la sua peculiarità: gli esecutori erano (e sono ancora, sebbene con qualche recente apertura alle donne) esclusivamente ragazzi giovanissimi, truccati e vestiti in modo tale da acquisire un aspetto femminile. La tecnica, molto simile a quella della danza classica Odissi (per la cui formazione l'apporto del Gotipua è stato fondamentale) si distingue per il baricentro basso, l'uso percussivo e ritmico dei piedi, la ricca gestualità delle mani e l'uso di due posizioni fondamentali: il "chouka", che segue la geometria del quadrato ed è la posizione con cui viene indicato il Dio Jagannth, ed il "Tribanghi" (tre piegamenti), in cui il piegamento di collo, bacino e ginocchia producono una posa elegante ed estremamente femminile. Il repertorio consta di brani di danza pura, spesso arricchiti da pose e movimenti acrobatici, e brani interpretativi a carattere religioso, il più delle volte dedicati all'amore divino fra Krishna e Radha.

Il maestro
Susanta Kumar Moharana, nato in una famiglia legata da generazioni alla danza Gotipua, inizia a studiare regolarmente all'eta' di 6 anni. Attualmente, dopo quasi vent'anni di studio e lavoro come performer ed insegnante (sei dei quali segnati dalla collaborazione con la compagnia indiana Milòn Mela) collabora con il fratello Basanta Kumar Moharana alla gestione della scuola di famiglia, che da anni propone spettacoli e workshop in India ed Europa.

Informazioni pratiche

Dal 4 al 6 settembre 2012, dalle ore 18 alle ore 20

Presso l'Associazione Narciso, in Via Marco Tabarrini 7, Roma

Per informazioni: Grazia Gentili 338 6410749 grazia_gentili@yahoo.it
Prenotazione obbligatoria entro il 2 settembre.

__________________________________



Dimostrazione di danza indiana Gotipua con Susanta Kumar Moharana 

Giovedì 6 settembre 2012

ore 21:00
Centro Culturale Narciso
(Via Marco Tabarrini 7, Roma)

La danza 
La danza Gotipua, originaria dello stato dell'Odisha, è uno stile folklorico nato nel XVI secolo sul modello della danza delle Mahari, danzatrici consacrate al culto del Dio Jagannath.

Il nome Gotipua, che nella lingua odiya vuol dire "un solo" (Goti) "ragazzo" (Pua), indica anche la sua peculiarità: gli esecutori erano (e sono ancora, sebbene con qualche recente apertura alle donne) esclusivamente ragazzi giovanissimi, truccati e vestiti in modo tale da acquisire un aspetto femminile. La tecnica, molto simile a quella della danza classica Odissi (per la cui formazione l'apporto del Gotipua è stato fondamentale) si distingue per il baricentro basso, l'uso percussivo e ritmico dei piedi, la ricca gestualità delle mani e l'uso di due posizioni fondamentali: il "chouka", che segue la geometria del quadrato ed è la posizione con cui viene indicato il Dio Jagannth, ed il "Tribanghi" (tre piegamenti), in cui il piegamento di collo, bacino e ginocchia producono una posa elegante ed estremamente femminile. Il repertorio consta di brani di danza pura, spesso arricchiti da pose e movimenti acrobatici, e brani interpretativi a carattere religioso, il più delle volte dedicati all'amore divino fra Krishna e Radha.

Informazioni pratiche
Per i partecipanti al seminario la dimostrazione è completamente gratuita, mentre agli esterni viene richiesta una sottoscrizione di 15 euro, che comprende un piccolo rinfresco di thé e dolcetti indiani.
Per info e prenotazioni telefonare al 338/6410749 (Grazia)