Danza Classica Indiana │ Seminari 2012

DANZA CLASSICA BHARATANATYAM
PERCORSO DI SEMINARI GRATUITI NEL TEMPIO DI KALI - ROMA
Da settembre 2012 l’Ente di culto Kalimandir di Roma, in collaborazione con la prof.ssa Marialuisa Sales, offre un percorso di seminari gratuiti, livello principianti, di danza sacra Bharatanatyam. I seminari si tengono nel sacello del tempio dedicato alla della Dea Durga e mirano a riportare questa danza nel suo naturale contesto culturale ed ideale, senza scopo di lucro. Ogni seminario è riservato a 15 partecipanti (in ordine di prenotazione).
E’ obbligatoria la prenotazione scrivendo a orchestes@gmail.com
Indirizzo: Tempio Kalimandir di Roma, via Oreste Ranelletti 52, 00166
COME ARRIVARE- con la macchina: uscita 33 del GRA CASAL LUMBROSO fino allo stop poco piu avanti; a sinistra Via AQUILANTI fino che si incrocia sulla destra Via O.RANELLETTI 52. Per chi arriva con bus: prendere la METRO scendere a CORNELIA poi il BUS 906 verso Casal Lumbroso e scendere a Via IMPALLOMENI; poco piu avanti sulla sinistra è Via O. RANELLETTI 52
_______________________

DANZA CLASSICA ODISSI
LABORATORIO MENSILE A ROMA CON SUPERVISIONE
 Laboratorio di danza odissi con supervisione mensile di insegnanti della scuola di Kelucharan Mohapatra. Il laboratorio prevede:
- un incontro settimanale di pratica di un'ora e mezza;
- la partecipazione obbligatoria ad un incontro mensile di tre ore con l'insegnante supervisore (il sabato pomeriggio);
- un laboratorio intensivo a maggio con Ileana Citaristi.
PER INFORMAZIONI ED ADESIONI:
Grazia Gentili  grazia_gentili@yahoo.it - orchestes@gmail.com
LA DANZA ODISSI: l’Odissi è una delle otto danze classiche dell’India. Nata in Orissa, stato dell’Est dell’India, dalla confluenza delle due tradizioni delle Mahari, danzatrici consacrate al culto di Jagannath, e dei Gotipua, giovanissimi danzatori che per secoli si sono esibiti all’esterno delle mura del tempio, è stata codificata a partire degli anni ’50 grazie all’apporto di grandi maestri come Guru Kelucharan Mohapatra. La tecnica unisce la potenza dei movimenti dei piedi alla grazia e delicatezza del busto e delle braccia dei danzatori che si muovono su un piano circolare. Le mani si servono dell’ampio vocabolario delle mudra (o hasta) per narrare storie della mitologia indiana o semplicemente per accompagnare i movimenti ritmici dei piedi nei pezzi di danza pura. Il repertorio spazia da brani puramente ritmici a brani interpretativi (abhinaya), spesso dedicati al racconto di episodi della vita di Krishna. In questo seminario verranno affrontate le basi della tecnica, ovvero gli esercizi di chowk e tribhangi, unità ritmiche fondamentali per l’apprendimento del repertorio di questa danza.
_______________________________

DANZA DI CORTE DELL'IRAN ( Danza Classica Persiana)
Nota anche come Miniature Dance, la Danza di Corte dell'Iran ("Danza Classica Persiana") associa temi tratti dalla poesia classica iraniana agli stati interpretativi del complesso sistema duodecimale dei modi musicali (dastgah). I motivi tradizionali dell’Amore d’Unione e di Separazione vengono sviluppati mediante geometrie circolari e precise, una mimica aggraziata e riferimenti all’arte della miniatura e della calligrafia. L'esecuzione viene definita "classica" poiché utilizza una precisa sezione musicale in 6/8 chiamata Reng - secondo la codificazione ottocentesca - che prende il nome dall’hindi ranga bhumi, il “luogo della danza” e che interviene sempre alla fine dell'esecuzione del radif, concerto classico. Il repertorio proposto è tratto, o rielabora, materiale del repertorio dell’insegnante iraniana M. Mahdavi.